Amici miei... criminologi e non

In questa sezione sono contenuti gli scritti di amici che considerano episodi criminali di regioni italiane diverse dal Piemonte oppure che non hanno uno stretto legame con i temi criminologici del sito. Sono scritti di persone che mi fa piacere ospitare, anche se non attinenti ai temi solitamente da me considerati.

"Sul filo di lama. Alla ricerca della tradizione italiana del coltello", di Danilo Rossi Lajolo di Cossano

Danilo Rossi Lajolo di Cossano - “Sul filo di lama. Alla ricerca della tradizione italiana del coltello” (Venezia, 2014).

Ho conosciuto di recente Danilo Rossi Lajolo di Cossano, presidente e fondatore del Calixworld del sistema Lajolo knife system e vicepresidente della CISB comitato italiano di Scherma di Bastone e di arti associate, che mi ha intervistato a proposito delle mie ricerche sulla criminalità torinese e piemontese, con particolare riferimento all’uso del coltello. Con mia grande soddisfazione, Danilo ha dimostrato notevole interesse per i miei studi.

Danilo è autore del libro “Sul filo di lama. Alla ricerca della tradizione italiana del coltello” (Venezia, 2014), dove ha riportato una intervista che, alcuni anni or sono mi aveva fatto il giornalista Gianni Verdoliva, intitolato “La romantica “mala” piemontese” e apparso su “Polizia e Democrazia” Novembre-Dicembre 2007 (Leggi qui).

È stato un incontro molto piacevole, come accade quando si conoscono persone molto preparate e veramente appassionate con cui condividere i frutti delle ricerche condotte.

Ci siamo scambiati i nostri libri, fra i miei Danilo ha particolarmente apprezzato “Ombre Coltelli e Scheletri” e ho donato a Danilo il Calendario 2015 “La Memòria dël Temp” che quest’anno contiene un mio scritto dedicato al Cit ëd Vanchija, personaggio di cui Danilo aveva sentito parlare dal nonno.

Lo scambio di libri è illustrato da queste foto (foto 1) (foto 2) (foto 3) (foto 4) (foto 5)

La prima parte dell’intervista è visibile qui

IMPRONTE DIGITALI. Lineamenti di dattiloscopia, di Andrea Giuliano

IMPRONTE DIGITALI – Lineamenti di Dattiloscopia

Edizioni Minerva Medica

L’ultimo lavoro di Andrea Giuliano, uno dei massimi dattiloscopisti al mondo, in servizio presso la Polizia Scientifica di Torino, ci porta nel complesso universo dell’identificazione personale, in particolare tramite lo studio delle impronte digitali.

L’argomento attualissimo viene raccontato come un romanzo e i tecnicismi diventano curiosità da scoprire.

Molto più di un romanzo giallo, molto più di un testo di Polizia Scientifica.

L’autore ha devoluto i diritti alla Onlus “Vittime del Dovere”, in memoria del padre.

Dello stesso autore: “Dieci e tutte diverse” e “ Impronte digitali – La classificazione Gasti” – Tirrenia Stampatori.
(da: I link della Polizia di Stato)

Guarda l'anteprim

La copertina del libro 

Il Maciste di Porta Pila

Il Maciste di Porta Pila. Storie di immigrati e del "re" Maurizio

di Andrea Biscàro, Neos Edizioni, Rivoli, 2013

Leggi la mia recensione su "Civico 20 News"

Tre libri di Daniele Bolognini

Il valoroso ricercatore Daniele Bolognini ha pubblicato tre agili libretti che riportano la biografia di tre personaggi oggi poco noti della Torino ottocentesca ma rilevanti anche per meglio comprendere il mondo della devianza di quel periodo:

Padre Felice Carpignano dell'Oratorio. Il confessore dei santi nella Torino del Risorgimento, Velar, Gorle (BG), Elledici, Torino, 2011;

Don Giovanni Borel. L'amico dei santi, Velar, Gorle (BG), Elledici, Torino, 2013;

Don Giovanni Cocchi, fondatore degli Artigianelli, Velar, Gorle (BG), Elledici, Torino, 2013.

Ben vengano libri come questi di Daniele Bolognini, ricchi di fatti storici e di documentazione ineccepibile ed alieni da una certa agiografia acritica ed enfatica, per far conoscere e apprezzare personaggi torinesi e piemontesi ingiustamente dimenticati.

Daniele Bolognini, “Don Giovanni Cocchi fondatore degli Artigianelli”, Velar, Gorle (BG), Elledici, Torino, 2013, 48 pagine, euro 3,50. (Recensione su "Civico 20 News")

Torino Segreta

Torino Segreta

Intrigante tour tra simboli esoterici, personaggi inquietanti, spettri e altri misteri cittadini

Sabato 1° giugno si è svolto il tour intitolato “Torino Segreta”, condotto dal professor Lodovico Ellena, docente di filosofia, oggi preside di un liceo torinese e autore del libro “Torino segreta” (Chieti, 2012).

Questo tour tra i misteri della Torino esoterica è stato organizzato dalla associazione culturale NuovaMente di Biella, il cui presidente Alberto Serena è cultore di studi di parapsicologia.

(Guarda il video del tour)



Sito realizzato nel 2012 (agg. 2017) - e-mail milo.julini@fastwebnet.it